• Pubblicato in data 28/12/2020

Inaugurata la nuova sede della Banca del Cilento: sarà l’appropriata e accogliente “casa” della Banca 2021

4 piani per un totale di circa 1600 metri quadrati, all’insegna dell’imponenza e della semplicità, dell’accoglienza e della concretezza. Sono alcune delle caratteristiche della nuova grande casa che rende giustizia ai 30 anni di storia della Banca del Cilento, e che si pone come appropriata dimora per la nuova “Banca 2021”, frutto della fusione dell’Istituto di Credito con sede a Vallo della Lucania e la BCC di Buonabitacolo.

 

L’attesa inaugurazione si è svolta nel rispetto delle normative di sicurezza imposte dalla pandemia: presenti al taglio del nastro, insieme al presidente Pasquale Silvano Lucibello e al direttore generale Ciro Solimeno, il Vescovo della Diocesi di Vallo della Lucania Ciro Miniero e il sindaco Antonio Aloia, a dimostrazione di come la nuova struttura rappresenti già un fondamentale punto di riferimento territoriale. Non ha voluto mancare all’importante appuntamento il Senatore Franco Castiello, presidente della Fondazione Grande Lucania, che con la la mostra “De Matteis, il tesoro ritrovato” ha fornito la perfetta cornice culturale all’evento.

 

Presenti anche Pasquale Gentile e Angelo De Luca, presidente e direttore generale della BCC di Buonabitacolo, nell’ottica di condivisione che, dopo il via libera delle rispettive assemblee dei Soci, ormai caratterizza il percorso comune intrapreso dalle due BCC aderenti al Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea.

 

La nuova sede è pronta ad ospitare l’Ufficio di Presidenza e l’Ufficio di Direzione, ed è dotata di una splendida ed originale Sala del Consiglio, che rappresenta l’anima della struttura. Il nucleo principale delle attività si svolgerà ovviamente nei moderni uffici, concepiti per costituire il cuore pulsante del complesso, dotato di una ospitale reception con cassa-self di ultima generazione, che consentirà di effettuare le principali operazioni bancarie. Non mancano ovviamente sale convegni e sale stipula, e ai 1600 metri quadrati destinati alle principali attività bancarie, vanno aggiunti altri 700 metri quadrati che saranno appositamente riservati ad uso Archivio. Una menzione a parte meritano gli ampi spazi esterni, a partire dalla rigenerante area verde sulla quale si affaccia il prospetto principale della struttura, e che ospitano anche un ATM indipendente di ultima generazione. Con la sua posizione strategica, a pochi metri dall’uscita della SP 430 Cilentana, la struttura rappresenterà un vero e proprio biglietto da visita per Vallo della Lucania. Dimostrando che l’economia a volte realizza e anticipa quello che la politica non riesce a concretizzare: nel caso specifico, con la Banca 2021, l’unione del Cilento e del Vallo di Diano in un progetto finalizzato alla crescita territoriale. Un segnale importante per alimentare la speranza, nell’ottica di un 2021 improntato alla ripartenza.

News recenti